L'Uomo Senza Sonno



 

















REGIA: Brad Anderson; 
ANNO/LUOGO: 2004, Spagna; 
GENERE: Thriller; 
ATTORI PRINCIPALI: Christian Bale,
Jennifer Jason Leigh,
John Sharian.


"Chi sei?"

voto: * * * *


Trevor Reznik, operaio in fabbrica, non dorme da più di un anno. Ormai privo di energie e con un aspetto cadaverico riesce a stento a lavorare e a intrattenere rapporti umani.
A peggiorare la sua situazione un incidente che causa la perdita di un arto a un suo collega.
Sempre più solo ed emarginato si convince di esser stato vittima di un complotto, con le ultime forze rimastogli inizia ad indagare..


Questo film sembra essere un vero e proprio tributo a dei maestri del cinema come Hitchcock e Polanski, specialmente in alcune sequenze dove inquedrature e colori ricreano le tipiche atmosfere.
Tecnicamente non si avvale di effetti speciali particolari poichè preferisce giocare sulle sensazioni, sulle angoscie del protagonista tanto da riuscire a spaventare e coinvolgere anche lo spettatore.
Un'ottima fotografia ci regala delle bellissime sequenze dalle tinte spente, quasi in bianco e nero.
Anche la colonna sonora contribuisce alla resa del film accompagnandoci per tutta la sua durata con melodie tal volta "tipiche" ma inquietanti e ben collocate.
E' una pellicola che potremmo definire al quanto lenta che però riesce a non perdere per strada lo spettatore e anzi a portarlo a una destinazione interessante e (anche se intuibile) non banale.
Infine, ma sicuramente non ultima, la grande prova del protagonista, il bellissimo (anche se qui non molto) Christian Bale , che ci regala davvero un'ottima interpretazione.
Peccato per il doppiaggio (Tonino Accolla, la voce di Homer per esser chiari) che non si adatta per niente al personaggio.

Da ricordare la notevole la sequenza al Luna Park dentro il "Tunnel del Terrore" che è una vera e propria genialata!
by Midnight
.
CONSIGLIATO: si.
.

Drag Me To Hell




















REGIA: Sam Raimi;
ANNO/LUOGO: 2009/U.S.A;
GENERE: horror;
ATTORI PRINCIPALI: Alison Lohman, Justin Long, Lorna Raver.

"Brucerai all' inferno!!!"

voto: * * * * *

Christine è un'impiegata in banca che per ottenere una promozione deve mostrare le sue capacità al suo capo. Pertanto nega un'ennesima proroga di rimborso prestito richiesta da un'anziana zingara; questa, sentendosi umiliata, si vendica gettando su Christine una terribile maledizione. Da quel giorno la sua vita cambia radicalmente: strane presenze la tormentano senza sosta.. disperata chiede ad un veggente, ma salvarsi dalla dannazione eterna sarà un' ardua impresa...

Non ci divertivamo così dai tempi de La Casa XDDDD il grande Sam Raimi è finalmente tornato tra noi amanti del terrore!! e quello che ci regala questa volta è un' altra perla unica XDDD Con sapienza riesce a coinvolgerci dal primo minuto fondendo con maestria salti sulla sedia a go gò a scene di puro divertimento.
Gli effetti speciali sono volutamente grotteschi e fittizzi, finendo sempre per sfociare nel trash; un susseguirsi di sapienti salti sulla sedia quali: porte che sbattono, rumori in soffitta, apparizioni demoniache (tutti i tipici e inflazionati clichè del genere) che però riescono nuovamente davvero a spaventarci, grazie anche ad una buona colonna sonora.
Indimenticabile la prova di Lorna Raver (la vecchia zingara Ganush) che ci regala le perle migliori! dall' aggressione nel sotterraneo dove sbava, tira pietre, morde e maledice fino alla sequenza nel casotto degli attrezzi dove infila un braccio a forza in gola a Christine compresa la caduta tipica di un'incudine con relativa fuoriuscita degli occhi che schizzano direttamente in viso alla povera malcapitata, scena degna soltanto dei migliori cartoni della Looney Tunes! XD
Epocale davvero anche la sequenza dell'esorcismo dove una capra parlante inizia a infamare Christine urlandole: Puttana!!! per poi sbranare la mano a uno dei presenti che posseduto dal medesimo demone inizia a ballare sul fuoco accompagnato da una canzoncina gitana esilarante!
Non potete perderlo!

CONSIGLIATO: assolutamente si.
.
.
[il trailer parte a 0.30]

The Omen


"Qui stà la sapienza.
Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia:
essa rappresenta un nome d' uomo,
e tal cifra è 666."
Apocalisse 13, 18.
.
.



















REGIA: Richard Donner;
ANNO/LUOGO: 1976, Gran Bretagna/U.S.A;
GENERE: horror, triller;
ATTORI PRINCIPALI: Gregory Peck, Lee Remick,
David Warner, Billie Whitelaw, Harvey Stephens, Patrick Troughton.

"Chi non sarà salvato dall' Agnello,
sarà dilaniato dalla Belva."

voto: * * * * *

Robert e Katherine Thorn sono una coppia felicemente sposata; lei ha appena dato alla luce un bimbo, purtroppo nato morto e lui non ha il coraggio di darle questo dispiacere, così spinto dalle insistenze del prete Spiletto decide di prendere come suo un bimbo senza famiglia la cui madre è morta durante il parto. Gli anni passano felici, anche grazie alla promozione di Robert ad ambasciatore americano che permette a Katherin di passare tutto il giorno a casa con Damien, il suo amato bambino.
Ma questa situazione idilliaca è destinata a spezzarsi quando il giorno del suo quinto compleanno la bambinaia sale sul tetto della casa e si impicca davanti a tutti gli invitati in festa. Da questo momento niente sarà più come prima: Katherine inizia a trovarsi difronte a situazioni inquetanti, tanto che arriverà a temere della sua stessa vita per mano di Damien; anche Robert è testimone di fatti assai strani e parte alla ricera della verità sul bambino che hanno con tanto amore cresciuto.

Un must della filmografia horror! o per meglio dire del thriller: nonostante la tematica "demoniaca" il regista sceglie di non spaventare lo spettatore con salti sulla sedia, ma di risvegliare in lui paure assopite sull' esistenza del Demonio.
Tecnicamente ben realizzato con delle belle riprese che creano delle atmosfere cariche di sentimento ed angoscia crescente; buoni anche gli effetti speciali che puntano a rendere il film il più realistico possibile, evitando perciò di inserire figure tipiche del genere quali mostri caprini, diavoloni, ecc. da ricordare per esempio la sequenza del taglio della testa del fotografo che seppur priva di elementi splatter risulta molto realistica ed inquetante.
Interessante il frequente utilizzo di immagini riflesse, prima fra tutte la sequenza iniziale nella quale Padre Spiletto compare alle spalle di Thorn per convincerlo ad adottare Damien.
Le atmosfere sono cariche di sentimento sin dai primi minuti, calcate dall' idilliaco amore della coppia e da una prima parte estremamente sdolcinata (molto carina la sequenza di foto che riassumono i primi 5 anni di vita di Damien) sentimentalismi tipici del periodo che ritroviamo per esempio in un altro must del genere quale Carrie - lo sguardo di Satana, dello stesso anno.
Man mano che il film si addentra nel terrore le atmosfere virano verso una drammaticità sempre maggiore; ed a guidarci in questa discesa nella paura è la figura di Katherine che sprofonda sempre più in una spirale di paranoie portando con sè Thorn e tutti noi...
A questo proposito come non elogiare la grande prova di Gregory Peck, Lee Remick e dell'inarrestabile David Warner che da sempre occupa i nostri cuori dopo l' egregia intrerpretazione in Titanic! XD (bei capelli!).
Infine da non dimenticare la bella colonna sonora, vincitrice dell'Oscar, inserita nei punti giusti con maestria.
Assolutamente da non perdere!!

CONSIGLIATO: assolutamente si.


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails