Silent House - La Casa Muta





















REGIA: Gustavo Hernàndez;
ANNO/LUOGO: 2010, Uruguay;
GENERE: horror (?), drammatico;
ATTORI PRINCIPALI: Florencia Colucci,
Gustavo Alonso, Abel Tripaldi.

"Vi avevo detto di non salire al piano di sopra..."

voto: *

Laura e suo padre si recano in una casa in mezzo al nulla per effettuare delle ristrutturazioni;
quando però scende la notte strani rumori provenienti dal secondo piano fanno capire a Laura che non sono soli...

Noia mortale, trama senza senso e banalità all'inverosimile sono sicuramente le descrizioni che meglio si adattano a questo film (?): '79 minuti in cui tutto quello che vediamo è soltanto la faccia della protagonista, fra l'altro un cane pazzesco (!), che si aggira per la casa, mantendendo un' unica espressione monocromatica, percorrendo sempre lo stesso percorso a rotazione (e non stiamo scherzando!!!).
Il tutto sembra non avere senso nè spiegazione fin quando sul finale, manco a dirlo, sbuca fuori di tutto e vengon fuori elementi di ogni tipo che mai erano stati minimamente accennati prima.. cosa che porta il film su tutto un altro piano.. si, ma... di schifezza!
*ATTENZIONE SPOILER*
scegliere di far virare il film sulla solita doppia/personalità/ perdita di memoria/rivelazoni mistiche non aveva proprio senso senza contare che è stato fatto strafatto trifatto ormai da cani e porci! Anche basta!
*FINE SPOILER*
Mah...
La Casa Muta  insomma è un film davvero pessimo.
Forse il coraggio attribuitogli dalla critica era così inteso: ci vuol coraggio a fare un film così inutilmente banale!
Orribile.

CONSIGLIATO: assolutamente no.

Orride delizie alla tavola del Diavolo.. Toponi al forno!

Ed eccoci con un nuovo invito a cena!! stasera alla tavola del Diavolo si serve un piatto terribilmente delizioso.. ed incredilmente facile da fare :D! ..daltronde per trovare qualche bel topo da servire ai vostri amici ci vuole ben poco..
Noi li abbiamo fatti nel modo più classico di tutti, ma ogni tipo di "polpettone" che vi piaccia andrà benissimo!


Ingredienti per 4 persone:
- 400g carne macinata;
- 1 uovo;
- 3,4 fette di pane carrè;
- parmigiano reggiano rattugiato;
- sale, pepe, peperoncino in polvere, olio;
- pepe nero in grani;
- olive nere snocciolate;
- pomarola.



Preparazione:
- Preriscaldare il forno a 180° gradi;
- In una ciotola capiente mescolate la carne tritata e l' uovo, poi aggiungete parmigiano reggiano e mollica di pane carrè tritata il più fine possibile, fino a rendere il composto il più compatto possibile;
- Aggiustate di sale e date una bella spolverata di pepe.
- Coprite una placca con della carta da forno e con le mani umide procedete nel comporre delle palline (non troppo grandi) col composto di carne: modellatele in modo che una estremità sia più allungata, a mo' di goccia.. sarà il muso del vostro topo!
Via via disponeteli sulla placca distanziandoli fra loro.
- Una volta che saranno tutti pronti inserite i grani di pepe come si vede nella foto, per creare il muso del topo;
- Tagliate le olive in 2 / 3 parti per il lato lungo ed inseritele come delle orecchie.
- Inserite la placca nel forno ben caldo e fate cuocere i topi per una mezz' ora (dipende da quanto li avete fatti grandi);
- Nel frattempo fate riscaldare la pomarola in un pentolino con un filo d' olio e una spolverata di peperoncino;
- Quando arriverete a servire su ogni piatto fate un letto di pomarola e sopra servite i vostri topini ben caldi!!!



..E Buon Appetito,
se sopravviverete..








Warm Bodies

















REGIA: Jonathan Levine;
ANNO/LUOGO: 2013, USA;
GENERE: adolescenziale, zombie;
ATTORI PRINCIPALI: Nicholas Hoult, Teresa Palmer,
John Malkovich, Dave Franco.

 "Qualsiasi cosa ci sia tra voi sta contagiando anche gli altri"

voto: * *

In uno scenario apocalittico in cui a dominare il pianeta sono gli zombie, i pochi sopravvissuti vivono all'interno di città-fortezze. Un giorno Julie insieme ad un gruppo di reclute esce per una missione di recupero viveri e medicinali, ma vengono attaccati da un gruppo di zombie. Tra questi c'è R uno zombie che sembra in realtà essere più "vivo" degl'altri.. tra i due nasce una strana amicizia che si tramuterà poi in amore sconvolgendo le sorti dell'intera umanità...

Che dire, siamo ovviamente giunte al cinema per vedere questa pischellata solo per la presenza di John il Grande!
Putroppo è un pò troppo poco presente per i nostri gusti ma la sua sola presenza nel cast può ampiamente bastare! :D
Seriamente parlando (perchè non lo eravamo fino a poco fa???) questa pellicola, tratta dal romanzo omonimo di Isaac Marion, è ovviamente indirizzata ad un pubblico adolescenziale prettamente femminile, affamato di storie d'amore tra personaggi del mondo del Male. Finiti gli struggenti incastri tra vampiri e licantropi ora gli zombie la fanno da padroni! chissà chi sarà il prossimo (ne siamo quasi terrorizzate!)
Vedendo quindi il film da questa prospettiva, che è poi quella che ci aspettavamo, niente di più, niente di meno "Warm Bodies" è una commedia grottesca che si lascia guardare piacevolente tra una citazione (ci fa piacere ricordare la scena del balcone di Romeo e Giulietta raddoppiata dal fatto che i due si chiamano prorio Julie e R) e una battuta di spirito.
Attori: lui niente male, lei è Bella Swan versione bionda e leggermente più espressiva, Malkovich è Dio, e lo zombie amico Spacca (cit). Breve cameo del promettente Dave Franco nei panni dell'ex fidanzato di Bella che forse ricordere nel ruolo del folle Cole nell'ultima stagione di Scrubs!
Tecnicamente siamo totalmente sulla scia dei vari "Twilight" e simili compresa la colonna sonora che probabilmente era la stessa.
Per concludere non vi invitiamo alla visione nelle sale, ma magari in un futuro noleggio in una serata noiosa (tra amiche) si!

CONSIGLIATO: ni.

Il Villaggio dei Dannati





















REGIA: John Carpenter;
ANNO/LUOGO: 1995, USA;
GENERE: fantascienza, drammatico;
ATTORI PRINCIPALI: Christopher Reeve, Kirstie Alley, Linda Kozlowski,Thomas Dekker.


"- Cosa potrei insegnargli io?
- Un po' di umanità.."

voto: * * *

Quello che sembra un giorno estivo come tanti per la piccola cittadina statunitense di Midwich si trasformerà ben presto invece nell' inizio di un incubo: improvvisamente tutti gli esseri viventi nell' arco di due miglia dalla città cadono a terra privi di sensi e chiunque varchi il "perimetro" subisce la stessa sorte..
Viene subito allertata la sicurezza nazionale, ma neanche la scienziata Susan Verner sa spiegare l' accaduto. Dopo alcune ore però tutti si risvegliano e nessuno sembra aver subito danni di nessun tipo.
Alcuni mesi dopo però molte donne (fra cui addirittura una vergine) scoprono di essere rimaste incinta proprio in quel periodo..
Daranno alla luce, tutte insieme, 10 bambini identici che ben presto si renderanno conto essere dotati di poteri e capacità sovrumani; poteri che i piccoli sembrano utilizzare per fare del male...

Remake dell' omonima pellicola del 1960, ispirata al romanzo "I figli dell' invasione" di John Wyndham: Carpenter apporta dei cambiamenti alla storia originale, non distorcendone però il senso ed il contenuto e costruendo un film nel complesso buono (anche se non uno dei suoi migliori, ricordiamo infatti con molto più piacere pellicole come La Cosa, Essi Vivono o Il Seme della Follia)
A tratti può risultare un pò lento, ma va detto che la trama non necessita di un ritmo incalzante e gli eventi si susseguono quasi con naturalezza. Il film si guarda quindi piacevolmente, coinvolgendo lo spettatore specialmente sul finale!
Unica pecca la scarsa caratterizzazione del piccolo David: essendo uno dei personaggi chiave della storia, il suo processo di "umanizzazione" meritava di essere approfondito maggiormente mentre in realtà viene un po' buttato li come se fosse un passaggio dovuto.
Tecnicamente per essere un film degli anni '90 non è male e ci regala alcuni effetti (i pochi presenti, visto che la pellicola non ne richiede un uso smodato) di tutto rispetto. La colonna sonora, composta dallo stesso Carpenter, è totalmente nel suo stile alternando melodie marlellanti ed elettroniche.
*Attenzione SPOILER*
Fra gli effetti speciali però non possiamo non citare il meeeeeraviglioso piccolo feto sotto vetro al quale i protagonisti devono cercare di non pensare, ma la cui faccia ha continuato a tornarci in mente praticamente di continuo per tutto il resto del film hahahahahaha XDDD a noi i bimbi demoniaci ci avrebbero sgamate subito XDDDD
*FINE spoiler*
Ultima nota tecnica infine per segnalare fra gli attori protagonisti Christopher Reeve nel suo ultimo ruolo cinematoografico prima del tragico incidente che lo rese tetraplegico, e Kirstie Alley fresca fresca di "Senti chi parla".. Nel complesso ci regalo tutti prove più che piacevoli.
In conclusione quindi una pellicola soddisfacente da vedere anche perchè un cult!


CONSIGLIATO: si.


Abandon - Misteriosi Omicidi






















REGIA: Stephen Gaghan;
ANNO/LUOGO: 2002/ U.S.A;
GENERE: thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Katie Holmes, Benjamin Bratt, 
Charlie Hunnam, Tony Goldwyn.

"Io preferirei essere morto piuttosto che mediocre!"

voto: *

 Katie è una brillante studentessa universitaria ammirata e stimata da tutti.
Tutto sembra perfetto fino all'arrivo in città del detective Handler che indaga sulla scomparsa del suo ex fidanzato scomparso da 2 anni.
Katie sprofonda in una spirale di paure sicura che il giovane in realtà non sia affatto scomparso...

L'unica cosa che si salva in questo film è Hunnam che, lasciatemelo dire, è davvero un gran bel vedere:
enzomma eh :P
il resto è una noia mortale tale da farti desiderare la morte ultima!
La Holmes è pessimamente mono espressiva come al solito e il suo personaggio (campionato da Dawson's Creek) è ancor più insopportabile.
La trama vacilla a più riprese portando avanti un qualcosa di già visto e per nulla interessante.
Filo conduttore tra i diversi personaggi è un'infelicità/insoddisfazione perenne che li porta ad agire in modo semi vegetativo. -___-
Tecnicamente si resta negli standard telefilm statunitense; unico elemento "diverso" (?) sono i flashback calati in un'assurda atmosfera trip, avvolta in colori giallo/blu, forse a simboleggiare ricordi scomodi/folli di Katie, sottolineati da opinabili melodie preudo-contemporanee (?)
Nel complesso insomma, un thriller/giallo totalmente dimenticabile, come già scritto, salvabile solo per un paio di sequenze ovvero i primi piani del bel fusto. fine.

CONSIGLIATO: no!
by Midnght

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails