Consigli fuori dal Labirinto? si ma solo con Muze!

 Ebbene sì, anche noi Guardiane siamo al passo coi tempi e ci evolviamo con la tecnologia e oggi vogliamo parlarvi di questa interessante App!
Un'applicazione cinematografica, gratuita, creata apposta per smart phone e nuovi dispositivi.
Come funziona e a cosa serve?
beh è molto semplice, in poche parole: voi digitate i film che vi piacciono e l'app vi consiglierà dei film che potrebbero piacervi!
Ma la differenza con altri servizi simili è che le pellicole che Muze vi consiglia sono davvero film che vi piaceranno quasi sicuramente! Non si scherza! Provare per credere!
A noi ha consigliato cosucce interessanti, cosa che ci ha stupito davvero piacevolmente!
Che dire, noi stiamo con Muze e voi?

Potete scaricarla gratuitamente QUI
 

Occhi di Cristallo



















REGIA: Eros Puglielli;
ANNO/LUOGO: 2004/ Italia/Spagna/Inghilterra;
GENERE: giallo, thriller;
ATTORI PRICIPALI: Luigi Lo Cascio, 
Lucía Jiménez, Eusebio Poncela.

"Non è un cacciatore normale.. 
gli animali li cattura vivi o li spappola..."

voto: * *

Una serie di misteriosi omicidi mettono l'ispettore Arnaldi sulle tracce di un efferato serial killer... una ragazza si presenta in commissariato dichiarando di essere perseguitata da un maniaco e la cosa sembra in qualche modo legata al serial killer....

Giallo italiano composto da un buon apparato tecnico.
Un'ottima fotografia ed un montaggio interessante, abbastanza distante dalle tipiche tinte in stile italiano, fanno da costume a un film che si lascia guardare piacevolmente almeno fino agli ultimi 10 minuti.
Poi: un tuffo nel banale e nello scadente chiude il sipario lasciando lo spettatore a bocca asciutta con un finale totalmente buttato via.
Il vero problema della pellicola sta nella sceneggiatura che pur regalando un incipit interessante, (niente di nuovo ma comunque intrigante nel suo genere) purtroppo inciampa in diverse incongruenze e capitombola nel suddetto finale sgangherato, mal fatto ed alquanto inverosimile.
La prova degli attori resta abbastanza nella norma anche se il protagonista  Luigi Lo Cascio (noto ai più per il suo ruolo di protagonista nel film "I 100 Passi") è parecchio sottotono e decisamente distante da altre sue interpretazioni nettamente migliori; a mio parere non era per niente adatto per il ruolo.
In sostanza siamo difronte ad un giallo made in Italy stilisticamente ben fatto dove però si poteva dare molto, molto di più. Peccato.

by Midnight

CONSIGLIATO: no.

Passepartout - Tutte le porte sono aperte
















REGIA: Lorenzo Buscaino;
ANNO/LUOGO: 2013/ Italia;
GENERE: commedia fantascientifica (?);
ATTORI PRINCIPALI: Eros Bosi, 
Andrea Buscaino, Elisa Rosati.


"Ma che cazzo stai dicendo? 
Ti sei impazzito nel cervello?!"

voto: *

Andy e Manuel assistono alla caduta di un UFO e salvano un'aliena. Vengono in possesso di uno strano oggetto che sembra riuscire ad aprire tutte le serrature.. un Passepartout!
Ma le cose non andranno come speravano...

A un anno dalla visione de "La Mano Infernale" ecco il nuovo film di Lorenzo Buscaino.
Stavolta come avevamo accennato nella precedente recensone non siamo più nell'horror ma ci siamo spostati nella commedia dalle tinte fantascientifiche anche se, comunque, ancora lontani da un buon risultato complessivo.
La buona volontà e la passione si vedono però gli errori tecnici sui quali cadeva e inciampava continuamente la scorsa pellicola sono nuovamente presenti e, se possibile, accentuati:
l'audio è pessimo (rasenta quasi quello dei film in streaming presi direttamente dal cinema!), la fotografia e le inquadrature sono totalmente amatoriali e stavolta non si tenta nemmeno di ricercare un gusto cinematografico (a questo punto per giustificare ciò potevano farlo diventare un mockumentary), gli effetti speciali, i costumi, le musiche (rumori e suoni dai volumi insensati che spesso vanno a coprire i dialoghi!), stavolta volutamente (?) estremizzati nel loro essere caserecci, non riescono ad aiutare la buona resa del film.
Stesso vale per il cast, (dove ritroviamo il protagonista de La Mano Infernale Eros Bosi stavolta nella parte di co-protagonista insieme al fratello di Buscaino) ancora una volta composto da attori dilettanti che eccedono nell'utilizzo di un forte accento dialettale, che se "perdonato" nei due attori principali nei panni di 2 personaggi "realistici" non lo può essere nei due alieni!
Non esiste proprio, il loro accento ternano è talmente fuori luogo da rendere ancora più insensato il tutto!
Ma il problema più grande, a parte quanto detto sopra, sta nella trama e nella sceneggiatura che pur avendo di base delle buone idee non le svulippa e non le concretizza vacillando e saltellando dalla tematica fantascientifica malamente realizzata, alla tentata commedia/comica, che però trova comunque pochi momenti riusciti.
*Attenzione SPOILER*
Le uniche cose che ci sentiamo di notare positivamente sono l'idea del Passepartout (anche se da protagonista della faccenda viene totalmente dimenticato dopo pochi minuti.. vabè); la buona scelta (abbandonata anch'essa dopo poco -___-") di "mascherare" l'alieno verde nei panni di un umano e l'inaspettato bad-ending con la morte dei due protagonisti.
*fine Spoiler*
Nient'altro da aggiungere se non che siamo purtroppo ancora lontani da qualcosa di cinematograficamente sufficiente; continueremo comunque a tenere d'occhio i fratelli Buscaino nella speranza di veder crescere, anche se in piccolo, il cinema indipendente made in Italy.

CONSIGLIATO: no.

L'Uomo senza Ombra

REGIA: Paul Verhoeven;
ANNO/LUOGO: 2000 / Germania/U.S.A;
GENERE: fantascienza;
ATTORI PRINCIPALI: Kevin Bacon, Elisabeth Shue,
Josh Brolin, Kim Dickens.

"Siamo pronti. 
Saltiamo nel vuoto!"

voto: * *

Un team di scienziati sta sperimentando la formula dell'invisibilità su cavie animali.  Ma il Dottor Sebastian Caine vuole spingersi oltre e provare su di se l'esperimento...

Ispirato al racconto L'uomo invisibile di Herbert George Wells, questo è un filmetto tranquillo e guardabile ma senza alcuna pretesa.
Gli effetti speciali non sono male se consideriamo l'anno ma aldilà di questo si va poco in là.
La trama non porta con sè niente di nuovo e tra stereotipi e intrecci amorosi compone un puzzle dove mancano diversi pezzi per convincere lo spettatore.
Cast stellare con diversi visi noti del grande cinema statunitense che però non basta e il finale roboante in pieno stile americano poi si poteva decisamente evitare.
 Non c'è molto altro da dire se non che l'idea di fondo non è male ma si poteva decisamente imbastire qualcosa di meglio, mooolto meglio considerando anche il cast.
Ne anno persino fatto un seguito nel 2006... (???) mah..
Peccato.
*by Midnight*

CONSIGLIATO: no.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails