Insidious 3 - L'Inizio


















REGIA: Leigh Whannell;
ANNO/LUOGO: 2015/USA;
GENERE: horror;
ATTORI PRINCIPALI: Dermot Mulroney, Stefanie Scott, Angus Sampson, Leigh Whannell, Lin Shaye.

voto: * * *

"Devi stare molto attenta, 
anche se cerchi di evocare un solo defunto, 
tutti gli altri possono sentirti."


Quinn, adolescente che ha da poco perso la madre, tenta di mettersi in contatto con lei tramite una seduta spiritica. Delusa dal risultato fallimentare decide di incontrare la medium Elise.
Grazie ad essa farà però una scoperta sconcertante: qualcosa si è messo in contatto con la ragazza ma... non è sua madre!

E con un balzo siamo già arrivati al terzo capitolo (che dopo Insidious I e Insidious II ci auguriamo non sia l'ultimo) di questa gradevole saga che in mezzo alle tante ciofeche riesce a portare una vaga ventata di freschezza! Mica poco!
Non parliamo certo di un filmone da oscar ma di un lungometraggio che centra il suo obiettivo: ovvero un film d'intrattenimento riuscito perfetto per una serata tra amici.
Il punto di forza sta nel suo riuscire ad essere coerente con i precedenti capitoli senza perdersi e soprattutto senza prendersi troppo sul serio regalando al pubblico 1 ora e mezzo di salti sulla sedia e grasse risate sul finale. Sul tavolo troviamo appunto: genuini salti sulla sedia, un buon apparato tecnico, gag comiche esilaranti e personaggi (che abbiamo già visto) ai quali è difficile non affezionarsi (la medium, i due strampalati aiutanti, la vecchia in nero).
Tecnicamente tutto resta al solito buon livello; anche gli attori se la cavano, in special modo Lin Shaye nei panni della medium "super Rock" (con il suo parrucchino meraviglioso a tratti si trasforma anche nel professor Piton di Harry Potter) :D mitica!
Parlando di trama (seppur tranquilla) questo capitolo si colloca prima degli altri 2 film e, pur mettendo in scena una nuova storia, riesce a collegare il tutto in modo pensato con diversi riferimenti ben piazzati.
E' un prequel guardabilissimo anche da chi non ha visto gli altri film e potrà godersi la storia in modo cronologicamente corretto.
Ci auguriamo davvero che ne arrivi un quarto che magari riprenda la storia da dove l'avevamo lasciata nel secondo completando così questa simpatica saga.

CONSIGLIATO: SI.

 

Hybris


















REGIA: Giuseppe Maione;
ANNO/LUOGO: 2015/ Italia;
GENERE: thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Guglielmo Scilla, Lorenzo Richelmy, Tommaso Arnaldi e
Claudia Genolini.

"Ma che diavolo sta succedendo in questo posto?

voto: * *

Quattro ragazzi si recano in una sperduta casa nel bosco per ricordare il loro amico Valerio appena deceduto. Tra una birra e l'altra la giornata volge al termine tranquillamente ma quando scende la notte i ragazzi si ritrovano improvvisamente bloccati all'interno della casa... qualcosa di oscuro si nasconde nel passato di Valerio e la resa dei conti è arrivata..

Prima di tutto va detto che il quoziente intellettivo della gente presente in sala era davvero molto basso e già si capivano mooolte cose, quando poi sullo schermo è spuntato Willwoosh il quadro si è chiuso :D
Che dire, la trama in realtà, pur non regalando niente di nuovo, ha del poteziale (interessanti alcune sequenze specie all'inizio), purtroppo però la lentezza inesorabile, la sceneggiatura lacunosa e il finale forzato non riescono proprio a far fare a questo film il salto che speravamo.
Benchè si tenti di dare spessore ai personaggi la cosa non va in porto e restano dei ragazzotti con caratteri strampalati e poco definiti inoltre le reazioni ai vari avvenimenti sono spesso esageratamente sopra le righe facendoli sembrare davvero poco realistici.
Tecnicamente siamo su un buon livello sia per quanto concerne il lato visivo (montaggio, fotografia, ecc.) molto "Freaks!" (web serie dove recitavano già 2 dei protagonisti e non a caso abbiamo lo stesso direttore di fotografia) sia riguardo suoni e colonna sonora, anche se talvolta un pò esagerata.
A tal proposito una grossa pecca (make up casereccio a parte) sono i volumi pessimi delle voci sussurrate fuori campo: non si capisce una mazza di quello che dicono e spesso la cosa diventa davvero fastidiosa e scadente.
Gli attori sorreggono tutto il resto e nemmeno così malaccio, anche se và detto, sia Scilla sia la Genolini oramai sono completamente stati divorati dai loro ruoli di Youtubers e questa cosa pesa non poco.
Willwoosh su tutti sembra sempre sull'orlo della gag e non riesce ad essere credibile. Peccato.
Da oscar invece la prova del montanaro con cappellino che si aggira per il bosco :D un mito!
In conclusione non riusciamo a consigliarvi la visione di questo film perchè la noia potrebbe uccidervi prima della fine però il materiale c'è, e con qualche sistematina qua e là, questo giovane team potrebbe seriamente regalare qualcosa di interessante.
Li terremo d'occhio insomma, per adesso lasciare pure perdere.

CONSIGLIATO: no.
 

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails