Grace





















REGIA:  Jeff Chan;
ANNO/LUOGO: 2014 / USA;
GENERE: horror;
ATTORI PRINCIPALI: Alexia Fast,
Alan Dale, Lin Shaye. 

"C'è qualcosa che non va in me..."

voto: * * *

Grace ha 18 anni e dopo i primi giorni di college inizia ad avere spaventose visioni e sentire voci.
Dopo una festa finita male sua nonna decide di ritirarla da scuola e farla tornare alla sua vita casa e chiesa.
Ma le voci e le apparizioni non si fermano... un terribile segreto si cela nel suo passato...

Contrariamente alle aspettative (di film brutti su possessioni demoniache ne abbiamo visti a pacchi) questo film si è rivelato essere una piacevole parentesi.
La pellicola attinge dai classici del genere, ricordandoci Carrie - Lo sguardo di Satana e i più recenti L' Ultimo Esorcismo e il suo sequel ma ciò che la rende particolare è la scelta di girarlo in prima persona (con lo spettatore che vede quello che vede la protagonista per capirsi!).
Questo espediente regala una serie di prospettive interessanti, specie sul finale e sull'esorcismo davvero roboante!
Riuscite le scene di tensione, seppur semplici e senza grandi effettoni e trucchi fantocci.
Trama che fila liscia come l'olio, forse anche abbastanza prevedibile e scontata, ma nel complesso sta in piedi e coinvolge lo spettatore fino alla fine.

Nel cast spicca la mitica buon vecchia Lin Shaye (la nostra Elise della saga Insidious) e il pretone che altro non è che il perfido padre di Penny in LOST (Alan Dale).

Finale, forse non fra i più innovativi, ma in linea con il film e... simpaticamente demoniaco!
Insomma se vi capita sotto mano dategli una chance.

CONSIGLIATO: si.


It Follows





















REGIA:  David Robert Mitchell;
ANNO/LUOGO: 2014 / USA;
GENERE: horror;
ATTORI PRINCIPALI:  Maika Monroe, Keir Gilchrist,
Olivia Luccardi,Lili Sepe.

"Arriverà qui prima o poi..."

voto: * / *

Jay viene abbordata da un suo coetaneo. 
Dopo una notte di sesso inizia ad essere perseguitata da strani individui....

MAH MAH MAH MAH MAH MAH ecc ecc...
Dire che avevamo altissime aspettative su questa pellicola è dire poco.
L'attesa non è stata minimamente premiata anzi la delusione ci ha lasciato molto perplesse; ma vediamo perché...
Il film parte bene, con una giusta carica di tensione e mistero, poi però una volta capito cosa succede la faccenda diventa monotona, ripetitiva e davvero poco gagliarda.
Tutto ruota attorno al sesso: in questo caso IT (che purtroppo non è Pennywise) altro non è che la rappresentazione fisica del sesso nelle sue varie forme; soprattutto di rapporti non sicuri che possono portare al sopraggiungere di malattie, gravidanze indesiderate, ecc..
Non è un caso che tutto parta da un rapporto sessuale occasionale e che il male sia rappresentato spesso con figure nude che attaccano le vittime usando il sesso.
Interessante l'idea peccato però che la tensione vada diradandosi via via che il film prosegue, tutto diventa prevedibile, noioso e persino ridicolo (su tutte vedi la sequenza della piscina davvero orribilante alla stregua delle comiche e il bambino demoniaco con faccia allungata completamente fuori contesto).
Dialoghi quasi assenti, personaggi freddi, situazioni al limite del realistico e fondamentalmente non succede nulla.
Ma il peggio arriva dalla colonna sonora, davvero martellante ed insopportabile: sintetizzatori a palla, tastierine anni 70/80, rombi sfruttati per alzare la tensione ma che non bastano considerando ciò che stiamo vedendo.
Il tutto poi è lentissimo, non si capisce quanto tempo passi. E' certamente una cosa voluta, con l'intento di rappresentare una generazione quasi al totale sbando, senza passioni, punti di riferimento, ideali, insomma niente. 
Se la cosa fosse stata sviluppata in tempi più ristretti (massimo mezz'ora) forse si sarebbe raggiunto l'obbiettivo; in due ore invece la voglia di spegnere la TV e andare a dormire diventa un'ossessione pura.
Finale anche azzeccato ma che, vista l'infinita inutile durata del film, non si lascia apprezzare.
I due giovani rimasti vivi capiscono che l'unico modo per affrontare "il male" è farlo insieme, con consapevolezza e cervello.
Peccato che i personaggi siano talmente freddi che non c'è la minima empatia verso di loro e rimaniamo distanti da ciò che accade.

Insomma che dire, il potenziale c'era ma per noi è NO.

CONSIGLIATO: no.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails