Vanishing on 7th Street






















REGIA: Brad Anderson;
ANNO/LUOGO: 2010, U.S.A;
GENERE: thriller, horror paranormale;
ATTORI PRINCIPALI: Hayden Christensen, John Leguizamo,
Jacob Latimore, Thandie Newton.



"Io esisto, io esisto, io esisto!!!"

voto: * / *

A Detroit la vita si svolge normalmente; una sera però improvvisamente si verifica un black-out di pochi secondi, ma quando si rieccendono le luci d' emergenza l' intera popolazione è letteralmente scomparsa nel nulla! di loro rimangono soltanto i vestiti e gli oggetti caduti a terra come se i corpi si fossero smaterializzati..
Luke e i pochissimi altri superstiti finiscono per ritrovarsi tutti nell' unico bar in cui funzionano ancora le luci, mentre fuori strane presenze che si muovono nell' ombra cercano di ghermirli..

Inizialmente il film parte bene basandosi su un' idea interessante (che prende spunto da un fatto assai inquetante accaduto sul finire del 1500 sull' isola di Roanoke, la cui colonia inglese che vi abitava sparì misteriosamente nel nulla senza lasciare nessuna traccia) che sembra portare a dei risvolti potenzialmente intriganti, riuscendo a coinvolgere e tenere in tensione lo spettatore. 
L' atmosfera che si viene a creare rimanda molto a film sul generis apocalittico-assediamento quali Io sono Leggenda, 28 giorni dopo, 30 giorni di Buio e simili, ma dopo la prima mezz' ora (in concomitanza con il loro sopraggiungere al bar) la situazione si rallenta e il film perde di mordente e senso: la pellicola, infatti, si dilata a dismisura condendosi di lunghissime sequenze di dialoghi sulla religione, lo spiritualismo e menate del genere (spesso quasi fuori contesto) che tentano, fallendo!, di ricercare una introspezione psicologica dei personaggi; momenti, quindi, di lungo nulla narrativo vengono così inframezzati da brevissime sequenze di tensione (tipo il flashback di Luke che ricorda quando è stato attaccato dalle ombre la prima volta), che però andando avanti nel tempo si fanno sempre più rare e ripetitive..
Il film tenta una virata adrenalinica con la loro fuga in macchina, che non basta però a risollevare il nostro interesse ormai colato a picco, e che anzi porta ad un finale confusionario e decisamente infantile che non soddisfa non tanto per la mancanza di risposte, quanto per la scarsa e maldresta realizzazione (senza contare che oltre tutto dura DUE ORE -____-!!!!!!)
Tecnicamente senza lode e senza infamia, anche perchè non ci propone grossi effetti speciali.. carine però le "ombre" nelle ombre che tendono maligne le loro grinfie.. La colonna sonora non propone niente di interessante, anzi sembra vagamente casuale e in alcuni punti richiama Sailor Moon o Il Padrino o___o
Gli attori poi lasciamo stare.. l' unica presenza da segnalare è ovviamente quella di quel figone di Hayden Christensen, anche se sembra particolarmente sfavato.. e anche giustamente!!
In conclusione quindi una pellicola che poteva regalare moooooolto di più, e che invece si lascia andare dopo poco abrutendo senza pietà lo spettatore. Evitabile.

Ps. Ci ha stupito negativamente, infine, scoprire che alla regia cè lo stesso Anderson che nel 2004 ci aveva regalato una perla quale L' Uomo Senza Sonno che a tutt' oggi rimane un bellissimo thriller psicologico con un apparato tecnico da paura.. ulteriormente peccato!!!

CONSIGLIATO: no.

13 commenti:

Emanuele Secco ha detto...

Ma possibile che non si riesca più a produrre un horror decente?

E.

Asgaroth'sMidnight ha detto...

@ emanuele:
a quanto pare no ç____ç

newmoon35 ha detto...

Peccato, l'idea mi ispirava parecchio, ma ho già visto un sacco di recensioni negative..quindi passo..

Asgaroth'sMidnight ha detto...

@newmoon
Eh anche a noi ci ispirava poi c'è anche quel bel pezzo di Christensen!.. Però si, puoi tranquillamente evitarlo!

psichetechne ha detto...

Approvo in pieno il giudizio negativo su questo film. Brave.

oh dae-soo ha detto...

Na rottura de sfere non indifferente...

Si salvano i primi 10 minuti poi.. PUFF... vanishing film

Asgaroth'sMidnight ha detto...

@ psichetechne:
e come non farlo ;D?

@ oh dae-soo:
hahahahaha davvero!! ottimo resoconto X°°°DDDD!!!!!!!!

Eddy ha detto...

Cacchio,
ho letto talmente male in giro che mi ero dimenticato perfino che esisteva... :)
Salto a piedi pari e in questi casi le vostre rece sono + spassose del film. Kepp up the good work!

Asgaroth'sMidnight ha detto...

@Eddy
ahaha grazie caro! Vedere questi film è un duro lavoro ma quando vediamo che le nostre recensioni vi divertono diventa un piacere! :)

Eyegarbage Man (EyeWaste) ha detto...

"con HAYDEN CHRISTENSEN, il PROTAGONISTA di STAR WARS - Episode II e III"

Ma scrivere "vogliamo fallire" non era meglio? Cioè, ma manco la parte del cadavere numero #103 in un possibile "Salvate il Soldato Ryan 2" gli lascerei xD

Asgaroth'sMidnight ha detto...

@ eye waste:
haha bhe lui è un figo.. in realtà è l' unica cosa che ci ha fatto arrivare fino alla fine del film XD

vistierivisti ha detto...

Sarà che studio filosofia (e questo generalmente è un handicap) ma a me invece questo film ha appassionato un sacco: credo che l'intento principale fosse esistenziale (d'altronde, vedere le persone che scompaiono una dopo l'altra accanto a te, con la costante consapevolezza di poter essere il prossimo, è la condizione di qualsiasi essere umano, come insegna Pascal), e personalmente l'ho letto in questo modo, finendo con l'essere decisamente interessato.
Giacomo (blogger de "L'occhio critico")

Asgaroth'sMidnight ha detto...

@vistierivisti
Sicuramente l'intento era, anche secondo noi, esistenziale ma è proprio per questo che il film è risultato una paccata esagerata! I dialoghi specialmente, troppo retorici, troppo sentiti e risentiti. Tutto troppo lento e troppo noioso. Peccato perchè, come abbiamo scritto, l'idea poteva essere interessate..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...