Il Villaggio dei Dannati





















REGIA: John Carpenter;
ANNO/LUOGO: 1995, USA;
GENERE: fantascienza, drammatico;
ATTORI PRINCIPALI: Christopher Reeve, Kirstie Alley, Linda Kozlowski,Thomas Dekker.


"- Cosa potrei insegnargli io?
- Un po' di umanità.."

voto: * * *

Quello che sembra un giorno estivo come tanti per la piccola cittadina statunitense di Midwich si trasformerà ben presto invece nell' inizio di un incubo: improvvisamente tutti gli esseri viventi nell' arco di due miglia dalla città cadono a terra privi di sensi e chiunque varchi il "perimetro" subisce la stessa sorte..
Viene subito allertata la sicurezza nazionale, ma neanche la scienziata Susan Verner sa spiegare l' accaduto. Dopo alcune ore però tutti si risvegliano e nessuno sembra aver subito danni di nessun tipo.
Alcuni mesi dopo però molte donne (fra cui addirittura una vergine) scoprono di essere rimaste incinta proprio in quel periodo..
Daranno alla luce, tutte insieme, 10 bambini identici che ben presto si renderanno conto essere dotati di poteri e capacità sovrumani; poteri che i piccoli sembrano utilizzare per fare del male...

Remake dell' omonima pellicola del 1960, ispirata al romanzo "I figli dell' invasione" di John Wyndham: Carpenter apporta dei cambiamenti alla storia originale, non distorcendone però il senso ed il contenuto e costruendo un film nel complesso buono (anche se non uno dei suoi migliori, ricordiamo infatti con molto più piacere pellicole come La Cosa, Essi Vivono o Il Seme della Follia)
A tratti può risultare un pò lento, ma va detto che la trama non necessita di un ritmo incalzante e gli eventi si susseguono quasi con naturalezza. Il film si guarda quindi piacevolmente, coinvolgendo lo spettatore specialmente sul finale!
Unica pecca la scarsa caratterizzazione del piccolo David: essendo uno dei personaggi chiave della storia, il suo processo di "umanizzazione" meritava di essere approfondito maggiormente mentre in realtà viene un po' buttato li come se fosse un passaggio dovuto.
Tecnicamente per essere un film degli anni '90 non è male e ci regala alcuni effetti (i pochi presenti, visto che la pellicola non ne richiede un uso smodato) di tutto rispetto. La colonna sonora, composta dallo stesso Carpenter, è totalmente nel suo stile alternando melodie marlellanti ed elettroniche.
*Attenzione SPOILER*
Fra gli effetti speciali però non possiamo non citare il meeeeeraviglioso piccolo feto sotto vetro al quale i protagonisti devono cercare di non pensare, ma la cui faccia ha continuato a tornarci in mente praticamente di continuo per tutto il resto del film hahahahahaha XDDD a noi i bimbi demoniaci ci avrebbero sgamate subito XDDDD
*FINE spoiler*
Ultima nota tecnica infine per segnalare fra gli attori protagonisti Christopher Reeve nel suo ultimo ruolo cinematoografico prima del tragico incidente che lo rese tetraplegico, e Kirstie Alley fresca fresca di "Senti chi parla".. Nel complesso ci regalo tutti prove più che piacevoli.
In conclusione quindi una pellicola soddisfacente da vedere anche perchè un cult!


CONSIGLIATO: si.


7 commenti:

Omonero ha detto...

Mi dispiace dover dissentire. Confronto al film originale il prodotto di Carpenter risulta goffo, stantio e grottesco. Non l'ho trovato un omaggio, ma una triste imitazione.
Tutto questo con l'immenso amore che provo per le performances di Carpenter

Beatrix Kiddo ha detto...

Sono letteralmente morta di paura al tempo...i bimbi sono terrificanti.
p.s. un pò paracuculo...vi aspetto dalle parti mie ogni tanto eh???

Le Guardiane ha detto...

@ omonero:
purtroppo al momento non abbiamo ancora avuto modo di vedere l' originale quindi le nostre valutazioni sono da considerarsi esclusivamente in merito a questa pellicola!
Non avendo metri di paragone a noi è sembrato un buon prodotto, quando vedremo anche la pellicola madre allora potremo giudicare meglio ;)

@ beatrix:
hai ragione, scusaci infinitamente!!!
vuoi per mancanza di tempo e di energie (cosa che traspare anche dalla scarsa frequenza con la quale aggiorniamo il blog) fatto stà che purtroppo non siamo delle gran commentatrici, spesso ci rimane diffile persino gestire il nostro di blog :P.. non volercene ti prego :(!!!!

myers82 ha detto...

Grandissime, a me questo film piace eppure molto, tra i più interessanti della filmografia del maestro e tra i più sottovalutati e anche qui vado controcorrente, l'originale di Wolf Rilla mi ha lasciato indifferente, in questo remake, lo spirito e la poetica Carpenteriana ci sono tutte ;-)
Un gioiello da riscoprire

Death ha detto...

Il film venne assurdamente vietato ai minori di 18 anni, si mormora, per via delle "immacolate concezioni" che si verificano nel paesino a inizio film. Certo che l'Italia è proprio un paese strambo... :D
Non il migliore Carpenter, ma si lascia guardare :)

Le Guardiane ha detto...

@ myers:
non avendo visto l' originale non possiamo valutare un paragone, ma nonostante questo "il Villaggio del Dannati" cè sembrato davvero un buon film, quindi ci uniamo al tuo commento positivo :)!!!

@ death:
concordiamo anche con te: non uno dei migliro, ma cmq una buona produzione sicuramente interessante!
..la storia della censura è assurda, ma in effetti di un paese come l' Italia non ci stupisce più nulla -_____-

myers82 ha detto...

ahahahah si si sapevo anche io dello "scandalo" dell'immacolata concezione, che tristezza, vietano ai minori un film come questo e mettono il bollino verde e fanno passare come film per famiglie pellicole come I soliti idioti o i cinepanettoni, pieni di volgarità ecc... CHE SCHIFO

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...